Manuale del traduttore: Guida pratica con glossario by


0559dab37d391d9-261x361.jpg Author
Isbn 9788820348441
File size 2.44MB
Year 2011
Pages 385
Language Italian
File format PDF
Category culture


 

MANUALE DEL TRADUTTORE BRUNO OSIMO MANUALE DEL TRADUTTORE Guida pratica con glossario Terza edizione EDITORE ULRICO HOEPLI MILANO Copyright © Ulrico Hoepli Editore S.p.A. 2011 via Hoepli 5, 20121 Milano (Italy) tel. +39 02 864871 – fax +39 02 8052886 e-mail [email protected] www.hoepli.it Tutti i diritti sono riservati a norma di legge e a norma delle convenzioni internazionali Nessuna parte di questo libro può essere riprodotta con sistemi elettronici, meccanici o altri, senza l’autorizzazione scritta dell’Editore Fotocopie per uso personale del lettore possono essere effettuate nei limiti del 15% di ciascun volume dietro pagamento alla SIAE del compenso previsto dall’art. 68, commi 4 e 5, della legge 22 aprile 1941 n. 633. Le riproduzioni effettuate per finalità di carattere professionale, economico o commerciale o comunque per uso diverso da quello personale potranno avvenire a seguito di specifica autorizzazione rilasciata da AIDRO, corso di Porta Romana 108, 20122 Milano, e-mail [email protected], sito web www.aidro.org ISBN 978-88-203-6851-7 Traduzione delle citazioni da Jakobson di Simona Clerici Copertina: mncg S.r.l, Milano Pushkin has likened translators to horses changed at the posthouses of civilization. The greatest reward I can think of is that my students may use my work as a pony. Vladìmir Nabókov Indice Prefazione (Nicoletta Pesaro) Introduzione 1 Che cosa significa «tradurre»? ......................................................... 1   1.1 Il mondo antico................................................................................. 1   1.2 Il Medioevo ...................................................................................... 2   1.3 I romantici ........................................................................................ 5   1.4 Il Novecento ..................................................................................... 8   1.5 Le tappe del riconoscimento .......................................................... 12   2 La comunicazione............................................................................ 15   2.1 Un approccio scientifico................................................................. 15   2.2 Discorso interno ............................................................................. 16   2.3 Linguaggi continui e discreti.......................................................... 20   2.4 Come si forma il significato ........................................................... 21   2.5 Come si comunica il significato ..................................................... 23   2.6 Linguacultura ................................................................................. 35   2.7 Comunicazione scritta e orale ........................................................ 37   2.8 Le funzioni emotiva e conativa ...................................................... 38   2.9 Autore empirico e autore modello.................................................. 39   2.10 La funzione metalinguistica ......................................................... 40   2.11 L’audiolibro come traduzione ...................................................... 40   2.12 La funzione fàtica......................................................................... 41   2.13 La funzione conativa .................................................................... 42   2.14 La funzione poetica ...................................................................... 43 3 Il testo ............................................................................................ 45   3.1 Testo aperto e testo chiuso ............................................................. 46   3.2 Il circolo ermeneutico..................................................................... 47   3.3 Metafora e metonimia .................................................................... 49   3.4 Alcuni stili ...................................................................................... 51   3.5 Prototesto e metatesto..................................................................... 53   3.6 Il metatesto e le informazioni sull’autore....................................... 55   3.7 La lingua come visione del mondo e la traducibilità ..................... 56   3.8 Il muro di Berlino: accademia, ideologia e libertà di pensiero ...... 60   3.9 La traduzione produce diversità, non equivalenza ......................... 63   3.10 L’intersezione tra semiotica e discorso interno............................ 64   3.11 Traduzione come invariante di senso ........................................... 70   3.12 Traduzione come creatività .......................................................... 71   4 La traduzione come interpretazione ............................................. 77   4.1 Versioni e interpretazioni ............................................................... 78   4.2 La traduzione intralinguistica......................................................... 81   4.3 Interpretazione per approssimazione.............................................. 82   4.4 L’intertesto ..................................................................................... 83   4.4 Il traduttore ..................................................................................... 88   4.5 La traduzione: interpretazione e ri-creazione................................. 89   4.6 Il traduttore come ponte ............................................................... 101   4.7 Il traduttore come terzo incomodo ............................................... 103   4.8 La traduzionalità di Popovič e gli sviluppi di Toury.................... 104   4.9 Il problema del genere testuale..................................................... 108   4.10 I realia......................................................................................... 111   4.11 Il lettore modello ........................................................................ 116   4.12 L’orizzonte d’attesa e il suo “trasporto” .................................... 119   4.13 I postulati di significato.............................................................. 125   4.14 La sceneggiatura comune ........................................................... 129   4.15 Parole, termini, precisione, tipi di traduzione ............................ 131   4.16 Traduzione precisa e lettore modello ......................................... 135   4.17 Intertestualità di secondo grado.................................................. 138   4.18 Le fasi del processo mentale di traduzione ................................ 141   IX 4.19 Lingue madri e lingue razionali ................................................. 146   4.20 La revisione e le sue insidie ....................................................... 148   5 L’analisi traduttiva e i tipi di traduzione.................................... 151   5.1 Traduzione e residuo: il metatesto ............................................... 152   5.2 Traducibilità della connotazione .................................................. 154   5.3 L’analisi traduttiva ....................................................................... 160   5.4 La traduzione come gioco ............................................................ 162   5.5 La traduzione poetica ................................................................... 164   5.6 La traduzione editoriale................................................................ 169   5.7 La traduzione specializzata .......................................................... 174   5.8 La traduzione saggistica ............................................................... 177   5.9 Limite pratico e limite teorico ...................................................... 179   5.10 Il technical writing e la formazione della terminologia ............. 180   5.11 La terminologia .......................................................................... 184   5.12 La traduzione per il cinema ........................................................ 185   5.13 La traduzione per il teatro .......................................................... 191   5.14 Limiti personali .......................................................................... 194   6 Da esercizio scolastico a cuore pulsante della semiotica............ 197   6.1 «Parole oscene» e «azioni turpi».................................................. 198   6.2 Plurivocità: registri e idioletti....................................................... 199   6.3 Ei fu .............................................................................................. 201   6.4 Ella essa egli esso esse essi .......................................................... 202   6.5 Testo da valutare versus testo da leggere ..................................... 203   6.6 La ripetizione delle ripetizioni ..................................................... 204   6.7 Il calco .......................................................................................... 205   6.8 Il corto circuito del libro di testo .................................................. 206   6.8 La valutazione del traduttore........................................................ 208   6.9 La parabola di Cenerentola della traduzione................................ 209   7 Formazione, strumenti, qualità ................................................... 217   7.1 La formazione .............................................................................. 217   7.2 Il dizionario .................................................................................. 218   7.3 Il dizionario enciclopedico ........................................................... 220   7.4 L’enciclopedia .............................................................................. 220   7.5 Repertori di opere artistiche ......................................................... 221   7.6 Repertori di citazioni .................................................................... 222   7.7 La scelta del computer per il traduttore........................................ 223   7.8 Il CD-ROM .................................................................................. 225   7.9 Informatica e telematica per il traduttore ..................................... 226   7.10 Traslitterazione, trascrizione fonetica, trascrizione libera.......... 228   7.11 Tesi di traduzione ....................................................................... 231   7.12 Norme redazionali ...................................................................... 242   7.13 Mailing list e forum sulla traduzione ......................................... 254   7.14 Qualità e valutazione della traduzione ....................................... 254   8 Glossario ........................................................................................ 259   9 Appendice 1 - Estratto dalla norma ISO 2384 ........................... 331   10 Appendice 2 - I corsi universitari di traduzione...................... 333   11 Riferimenti bibliografici ............................................................ 337   12 Indice analitico............................................................................ 359   Prefazione Lu Xun, grande scrittore e traduttore cinese della prima metà del Novecento, evoca per la traduzione l’immagine di «rotte carovaniere che convogliano cibo per lo spirito». Il Manuale del traduttore di Bruno Osimo, giunto ormai alla sua terza edizione, ulteriormente arricchita e perfezionata rispetto alle precedenti, è senza dubbio una bussola che ripercorrendo tali rotte ha guidato e orientato nel nostro Paese un campo di studi, quello dei Translation Studies, assai fiorente a livello internazionale, nonostante la sua composita, ibrida natura e la relativamente giovane età, accompagnando lungo quelle stesse rotte studiosi, studenti e traduttori. Una metodologia rigorosa e approfondita da riflessioni che spaziano dalla semiotica alla filosofia, dalla linguistica alla narratologia; uno stile asciutto ed elegante, la passione vibrante ma mediata da un solido e convincente approccio scientifico; sono le principali prerogative di questo testo che costituisce una preziosa risorsa per chi insegna e studia l’arte e il mestiere del tradurre. Tra i maggiori meriti ascrivibili all’autore del Manuale, oltre all’infaticabile attività di ricerca e divulgazione didattica, citerei la competenza e rara sintesi con cui in questa e altre pubblicazioni Osimo sa innestare l’indagine sincronica in una comprensione diacronica delle concezioni e strategie traduttive, riuscendo a fornire sia una cornice teorica sistematica sia un esauriente repertorio di metodi concreti. Ne emergono un profilo articolato e vivo del traduttore e la complessità del suo compito. Oltre all’essenziale funzione di strumento didattico e di conoscenza/riflessione per i professionisti del settore, il libro assolve anche a un’altra importante funzione, evidenziando il doppio valore, scientifico e umanistico, della traduzione – «forma del pensiero e della comprensione», come sostiene George Steiner. Da un lato si ribadisce sul piano umano e morale «l’etica della differenza» (Lawrence Venuti) che deve animare lo studio e la pratica della traduzione in tempi di spesso facile e globalizzante cancellazione delle diversità, cancellazione che non significa comprensione, ma spesso il suo contrario. Attraverso un’analisi sistematica delle forme e dei principi che regolano l’atto traduttivo (di cui ogni esperienza umana è intrisa), viene rilevata con forza morale e scientifica precisione la dimensione cognitiva ed etica della traduzione: insistendo sul concetto di «linguacultura» Osimo sottolinea infatti che la distanza tra le culture è XII PREFAZIONE «il vuoto che un traduttore si propone di colmare al fine ultimo di rendere ogni cultura più accessibile all’altra». Proprio per questo, uno dei pregi di codesto studio è il suo essere fruibile come valido supporto teorico-pratico – sfuggendo all’eurocentrismo di altri impianti metodologici – anche per chi pratica e studia la traduzione di altri sistemi linguistico-culturali, come le lingue asiatiche. D’altro canto, il Manuale ha contribuito in questi anni a rafforzare e valorizzare la dignità scientifico-accademica della traduzione, riconoscendole il ruolo di settore irrinunciabile e innovativo della ricerca anche in Italia. La produzione di un metatesto che sappia trasferire la complessità e stratificazione culturale, linguistica, artistica e ideologica dell’originale richiede in molti casi una serie di competenze (non meramente linguistiche) e riflessioni acquisite e condotte proprio tramite la ricerca. Al traduttore si richiede una molteplice conoscenza del contesto storico, sociale e letterario, oltre che linguistico, nonché l’impegnativa responsabilità di coniugare questi diversi livelli in un’espressione il cui valore estetico non è inferiore a quello etico, nel senso di trasmissione e comprensione della cultura «altra». Il potere delle traduzioni è quello di avvicinare e confrontare mondi diversi, lontani cronotopi, contribuendo a diffondere la conoscenza delle culture oggetto di traduzione e arricchendo le lingue e culture riceventi. Non va poi dimenticato il potenziale creativo che il traduttore deve dispiegare nel compiere il suo lavoro sia in ambito editoriale che specialistico: una buona traduzione in questo senso è pari per dignità e valore a tutte le opere frutto di ingegno e concezione artistica originale. Nella sua articolata ed esauriente trattazione, Osimo non lesina suggerimenti e consigli pratici ai suoi lettori, contemplando le più avanzate risorse della tecnologia contemporanea ma invitando anche a un sapiente atteggiamento di rispetto e ascolto del testo e della parola nei suoi infiniti usi. Più che presentare questo libro, del resto già noto e caro a molti lettori dentro e fuori le aule universitarie, credo sia opportuno sottolinearne il contributo alla valorizzazione come disciplina di studio della traduzione, così restituita a chi vi si cimenta per ricerca, lavoro o passione nella sua «fisicità» operativa e nella sua profondità culturale. Ci si convince, leggendo il Manuale, che tradurre significa abbracciare contemporaneamente il rigore del metodo scientifico e la leggerezza calviniana del gioco combinatorio. Il traduttore ci appare così come un’alacre Penelope che disfa e intreccia i significati «su un tessuto verbale come senza peso» e che, citando ancora la prima delle Lezioni americane, intende la lingua «come inseguimento perpetuo delle cose, adeguamento alla loro varietà infinita». NICOLETTA PESARO Professore associato di Lingua e letteratura cinese Università Ca’ Foscari di Venezia Introduzione Nel 1998, quando è uscita la prima edizione di questo Manuale, era un libro fuori collana che timidamente sondava la possibilità di esistenza di un’opera di consultazione in un campo per definizione refrattario a regole, suggerimenti, indicazioni generali. Un equivoco di fondo dominava il campo: che tradurre fosse solo un’applicazione della conoscenza linguistica, e che chiunque avesse una conoscenza linguistica potesse improvvisarsi traduttore. Il corollario era che non avesse senso interrogarsi su un metodo traduttivo e tanto meno sulla competenza extralinguistica del traduttore. Come scrivo in un’opera di fiction ingannevolmente intitolata Dizionario affettivo della lingua ebraica, Il traduttore è esperto nel pensiero altrui e nei modi di esprimerlo. Il traduttore è esperto nel confine tra il proprio modo di vivere e di vedere il mondo (la propria ‘cultura’) e il modo di vivere e di vedere il mondo altrui (i sette miliardi di ‘culture altrui’ più sette miliardi al quadrato di combinazioni possibili). Il traduttore è esperto nella differenza, e nella difficoltà di comunicarla. Il traduttore è esperto nelle sfumature di senso. Il traduttore è esperto nell’arte di adattarsi, di adattare (Osimo 2011:293). Non troviamo traduzione solo quando un testo viene riformulato in un’altra lingua: tutta la vita è piena di atti traduttivi sotto mentite spoglie. E anche nel concetto stesso di «lingua» è imprescindibile quello di «cultura», tanto che ormai alcuni studiosi parlano di «linguacultura». Nella cultura sono tante le conoscenze che si danno per scontate. «Ogni volta che ci sono due persone che devono dirsi o comunicarsi qualcosa, è necessario tradurre, perché ognuno vede le cose un po’ a modo suo. Non esiste nulla di simile a un “patrimonio di conoscenze condivise”, ma solo un precario, provvisorio, labile, malcerto, vago modo di vedere, in certi momenti a volte irripetibili, le cose in un modo tale che (data la nostra imperfetta, umana capacità di esprimerci) le nostre descrizioni a volte collimano» (288). Anche la distinzione tra forma e contenuto viene meno. Quando leggiamo un testo, cerchiamo di capire che senso ha per noi. E ce lo domandiamo con il XIV INTRODUZIONE linguaggio della nostra mente, che non è né l’italiano né nessun’altra lingua esterna. Non è fatto di parole. Le parole ci girano dentro, ma sono dei pacchi trasportati, non fanno parte del discorso interno della mente. E per capire che senso hanno queste parole il traduttore fa un raffronto immediato con la banca dati di tutte le sue esperienze, in particolare con tutte le sue esperienze con le parole. Dove trova una corrispondenza completa nel passato, è a buon punto per formulare una congettura sul presente; quando la corrispondenza è parziale, ricostruisce le parti mancanti per interpolazione, per intuito, per analogia (289). Allora il traduttore prova a pensare a quello che forse l’autore avrebbe voluto dire se l'avesse formulato in modo più simile a come avrebbe fatto il traduttore. Fa congetture e prova a mettere insieme un testo che abbia più o meno lo stesso senso, ma che di certo ha un senso almeno in parte diverso: dice qualcosa di più, dice qualcosa di meno, s’inserisce diversamente in un contesto diverso e produce reazioni diverse in lettori diversi. I quali, per i motivi più diversi, reagiscono in modi diversi. Il fatto che la traduzione si trovi in quasi qualsiasi comportamento quotidiano potrebbe far pensare che tutti debbano essere esperti di traduzione, e la sua conseguenza logica, ossia che essere esperti di traduzione non sia possibile, se per «esperto» s’intende «specialista, persona che ha acquisito una conoscenza specifica di gran lunga superiore alla media». Per non parlare di equivoci di fondo, come il fatto che il traduttore sia un bravo consultatore di dizionari, o – addirittura – uno che li sa a memoria. I dizionari bilingui sono musei di statue immobili che dovrebbero rappresentare qualcosa che è in continuo movimento: il significato. In realtà i traduttori non sono esperti di lingue, ma di discorsi. Non s’interessano tanto alla grammatica, quanto all’uso. Non s’interessano tanto alle prescrizioni, quanto ai registri. Non s’interessano tanto alla letteratura, quanto al rapporto tra conformismo e anticonformismo stilistico, tra canone e sperimentazione e trasgressione. Non s’interessano tanto ai generi “letterari”, ma ai tipi di testo. Non fanno traduzioni “letterarie”, fanno traduzioni testuali. Non sono “letterali”, perché sanno che in ogni lingua si usano lettere diverse in sequenze diverse. Non hanno ispirazioni, studiano. Non sono aderenti, perché non sono un collante e hanno un loro stile di vita. Non sono fedeli, perché avrebbero troppi elementi a cui esserlo contemporaneamente. Non sono spontanei, ma fingono di esserlo. Questa edizione cerca di rendere ancora più evidenti tutte queste differenze tra lingua e traduzione, e si avvale in modo ancora più massiccio rispetto al- INTRODUZIONE XV l’edizione precedente dell’insegnamento di un genio: Roman Jakobson. Jakobson ha scritto tanto, ma di solito gli studiosi si palleggiano sempre le stesse scarse citazioni. Io negli ultimi anni ho cercato di scavare nella sua opera e ho trovato tante indicazioni importanti per il traduttore, che il lettore di questa terza edizione troverà ora collocati nei punti nevralgici della trattazione. Un’altra novità consiste nella nascita di un gruppo di studio sulla qualità e la valutazione della traduzione, Valutrad, che si riunisce periodicamente e che, nato come corso d’aggiornamento per i docenti di traduzione della Fondazione Milano, è ora aperto al contributo di traduttori, editor, revisori, studenti. Per questo è stato aggiunto un paragrafo alla fine del settimo capitolo. Il glossario, già presente nelle edizioni precedenti, assume ora quasi le dimensioni di un libro a sé stante. Concependo il Manuale come opera di consultazione, ho pensato che i lettori troveranno utile una sezione di consultazione ancora più dettagliata e dichiarata. Del resto, l’intero libro può essere usato come fonte di consultazione, anche grazie all’indice analitico dove in ordine alfabetico si reperiscono le parole chiave e i nomi propri. Invito lettori, studenti, colleghi a rivolgermi richieste, consigli, suggerimenti, critiche all’indirizzo [email protected] BRUNO OSIMO 1 Che cosa significa «tradurre»? Questo capitolo non è una storia della traduzione, né ambisce a esserlo. Chi fosse interessato, può fare riferimento a un altro mio libro con quel titolo. Qui mi limito a tracciare una panoramica a volo d’uccello sull’evoluzione delle parole che significano traduzione nel corso dei secoli. Seguire tale evoluzione equivale a rendersi conto di come il fatto che questo concetto sia sempre più centrale in varie discipline ha avuto conseguenze in una serie importante di scienze anche in apparenza molto distanti, come l’etnografia. Per alcune parti del capitolo mi appoggio al bellissimo opuscolo Volgarizzare e tradurre del compianto Gianfranco Folena. Leggendo questo capitolo, non occorre preoccuparsi di avere capito tutti i concetti che vi sono esposti. Data la prerogativa storica della panoramica, spesso sono espressi in modo fuggevole, ma verranno tutti ripresi con la dovuta attenzione nel seguito del libro. 1.1 Il mondo antico Tradurre per iscritto, in greco antico, si dice metafero (trasportare), me-tafrazo (parafrasare, tradurre) e metagrafo (trascrivere, tradurre). In latino, vorto è in opposizione a scribo, che significa «creare», mentre vorto significa semplicemente «copiare»; a testimonianza della concezione non creativa del lavoro di traduzione presso i latini in questa fase, transcribo (che in teoria dovrebbe essere all’incirca equivalente di metagrafo) non è usato per indicare «tradurre». Converto, transverto (derivanti da vorto, «copiare») e imitor sono verbi che si riferiscono alla traduzione narrativa, ossia a una traduzione che ha lo scopo di produrre un testo leggibile. È un approccio mirato al testo ottenuto nella cultura ricevente, a differenza di interpretor – l’interpres, in origine, era il mediatore del prezzo – che esprime la fedele adesione all’originale. Cicerone fu tra i primi a occuparsi specificamente di traduzione. Nel Libellus de optimo genere oratorum dice: «Ho tradotto da oratore, non già da interprete di un testo [...]» (Cicerone 1993:57). E, in un altro punto: «uerbum de 2 CAPITOLO 1 uerbo exprimere; non uerba sed uim Graecorum expresserunt poetarum; nec tamen exprimi uerbum e uerbo necesse erit, ut interpretes indiserti solent»1 (Folena 1991:9). Per Cicerone exprimo significa «modellare», mentre reddo indica corrispondenza formale ma non parola per parola. In età imperiale compare poi anche muto. 1.2 Il Medioevo Agostino (354-430) antepone la priorità di essere compreso dal popolo al timore di subire la riprovazione dei grammatici, e quindi apre la strada a quello che si chiamerà «volgarizzamento» (o, con una parola più diffusa, «volgarizzazione»). Nel Medioevo bisogna infatti distinguere i rapporti tra lingue «di pari prestigio» (i volgari) tra le quali la traduzione è «orizzontale», e la traduzione «verticale», dal nobile latino al volgare. Maria di Francia, poetessa e traduttrice (seconda metà del secolo XII), impiega i verbi escrivre, turner, traire, retraire, traire en romanz/translater per il latino, mentre ricorre a romancier, enromancier (da cui volgarizzare) per le lingue “volgari”. Latinier, come sostantivo, è il traduttore, il maestro di lingua. Latiner significa anche «parlare incomprensibile». (Dante usa «latino» nel senso di «chiaro» in Paradiso, 3:63.) Un fenomeno simile al russo némec che attualmente significa «tedesco», ma che in slavo antico significava sia «straniero» che «muto»: chi non parla la mia lingua è muto, con buona pace del relativismo culturale. Con Jean de Meun, translateur del De re militari di Vegezio (Art de chevalerie, 1284) si ha un primo tentativo di traduzione accettabile (facilmente comprensibile per la cultura ricevente) per bien translater in una lingua parlata, cioè volgare, in contrapposizione al vecchio enromancier. Dante non usa più parole come «volgarizzare», più associate al concetto di «volgo» che a quello di «lingua volgare». La lingua volgare quindi sta assumendo uno status più elevato. Boccaccio è un grande volgarizzatore dei classici che teorizza la traduzione libera come Jean de Meun. Parla di «riducere di latino in volgare», «sporre», «sposizione». A proposito di Livio afferma: «[...] sì precisamente scrive che se sole le sue parole, senza più, si ponessono, si rimarrebbe tronco il volgare a coloro, dico, i quali non sono di troppo sottile avvedimento, che così poco ne intenderebbero volgarizzato come per lettera». Si dà quindi più importanza alla comprensione e all’allargamento del pubblico dei lettori che all’attenzione filologica. Dopo Petrarca si afferma il verbo traducere, riferito alla versione dal greco 1 «Esprimere parola per parola; hanno espresso non le parole ma la forza dei poeti greci; né però esprimere parola per parola sarà necessario, come sono soliti gli interpreti poco eloquenti». CHE COSA SIGNIFICA «TRADURRE» 3 al latino. Leonardo Bruni, che traduce dal greco in latino e nel 1420 scrive De interpretatione recta [Tradurre correttamente], è un fautore della trasposizione dello stile ornato: intende conservare, nella traduzione, la purezza della cultura ricevente, il latino, e cerca di evitare i calchi sul greco. È con lui che nasce la nuova famiglia di parole traducere traductio traductor, tradurre. Ser Domenico da Prato ci descrive una situazione non del tutto dissimile da quella attuale: [...] imperò che la fama è delli inventori delle opere e non delli traduttori. Né truovo per li passati che alcuna stima se ne facesse, né per essi, che anticamente tradussono tante e sì maravigliose opere quante e quali si leggono al presente, furono in altri intitulate che solo in quelli a li quali s’appartenevano, occultando essi translatatori li nomi loro; con ciò sia cosa che tali traduzioni facevano caritativamente, e non per vanità di pompa, acciò che a li latini fussero noti li esempli et ammaestramenti grechi et ebraici. Nel Quattrocento, quindi, ormai sono in uso le parole che usiamo oggi, per quanto dopo il 1350 il prestigio del latino sia divenuto tale che non si traduce più, ma si legge in lingua originale. Non si avverte più l’esigenza di specifìcare se una traduzione avvenga tra una lingua culturalmente dominante e una più «volgare», anche perché nel Quattrocento e nel Cinquecento le traduzioni sono perlopiù dal greco al latino. Il termine traductio (e affini) accorpa in sé il significato prima diviso in tre categorie di parole: l’imitazione o emulazione (metre en romanz, romançar, riducere in volgare), la conversione o spiegazione (turner, trarre, trasmutare) e la riespressione, il rendere (translater, trasladar, transferir, translate). La parola inglese translation deriva dal participio passato latino di transfero, translatum. Il concetto di traduzione si è fatto via via più specifico, finché sono nate parole indicanti, con un livello molto basso di ambiguità, l’attività di chi traspone un discorso scritto da una lingua naturale all’altra: in italiano «tradurre» e «traduzione». Una volta introdotto il termine, questo ha avuto molta fortuna e i suoi significati si sono ramificati. Nel 1530 Martin Lutero, dopo l’accusa di essersi discostato troppo, nella sua versione tedesca, dal testo biblico, pubblica l’Epistola sull’arte del tradurre e sull’intercessione dei santi, nella quale difende le proprie scelte in nome della comprensione del testo biblico da parte del popolo tedesco. La sua visione è, come diremmo oggi, fondata sul criterio dell’accettabilità, orientata alla comprensione nella cultura ricevente: il testo deve risultare scorrevole alla lettura («ora vi si passa sopra come su una tavola ben piallata») e immagini e metafore devono riuscire immediatamente comprensibili al lettore della cultura ricevente.

Author Isbn 9788820348441 File size 2.44MB Year 2011 Pages 385 Language Italian File format PDF Category Culture Book Description: FacebookTwitterGoogle+TumblrDiggMySpaceShare Il volume si propone come guida per insegnare l’arte non facile di tradurre e si conferma come opera di riferimento per i traduttori, sia professionali che alle prime armi, proponendo un approccio poliedrico al processo traduttivo, inserito nella visione complessiva della comunicazione. Questa terza edizione, aggiornata alle ricerche più recenti in materia, accentua gli aspetti di mediazione culturale strategici per capire la differenza tra due competenze solo apparentemente sovrapponibili: conoscere le lingue e saper tradurre. L’opera costituisce un valido manuale di consultazione anche per il traduttore professionista che spesso si trova ad affrontare questioni pratiche. I concetti fondamentali per l’attività quotidiana del traduttore sono illustrati facendo ricorso a numerose tabelle e figure, senza trascurare gli aspetti più pratici, come l’ergonomia della stazione di lavoro e l’acquisto del computer. Uno strumento prezioso è inoltre rappresentato dal ricchissimo glossario che, raccogliendo in ordine alfabetico i termini tecnici ricorrenti nelle traduzioni dalle diverse lingue, chiarifica e aiuta a risolvere i principali punti critici; nel glossario sono anche riportate una serie di norme redazionali (aggiornate alle ultimissime disposizioni ISO e UNI) cui attenersi per strutturare il testo tradotto. I riferimenti bibliografici contengono infine molti spunti per approfondire gli argomenti di maggior interesse.     Download (2.44MB) Catia Trevisani – Fondamenti di nutrizione. Aspetti chimici, energetici e simbolici degli alimenti (2010) La biblioteca scomparsa “Storia della musica italiana per stranieri” Nicola Malizia – Criminologia ed elementi di criminalistica (2010) “Il copista come autore” Load more posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *